Stampa

Progetto polo culturale di Rufoli

L’ex scuola di Rufoli futuro Polo culturale

Creare il Polo culturale di Rufoli significa destinare uno spazio alla promozione dell’arte ceramica valorizzando la cultura, le tradizioni e le potenzialità della zona.

 

L’istituzione del Polo culturale di Rufoli consentirebbe a tutti i cittadini della zona, e non solo, di entrare attivamente a far parte di una nuova e diversa realtà che tende a conservare e potenziare le radici e la storia di un’antica arte che è trainante per lo sviluppo culturale, l’economia ed il turismo con conseguente incremento occupazionale.

Grazie alla professionalità artistica e le capacità formative dei ceramisti attualmente presenti nel laboratorio è possibile instaurare una collaborazione volta a favorire lo sviluppo socio culturale del luogo.

Le associazioni che hanno aderito all’iniziativa Volontariato Humus, Volontariato Blue Angel Salerno, CSV Sodalis Salerno, il Museo Città Creativa e la Fornace De Martino Impasti Ceramici S.r.l. Rufoli Salerno sono un elemento determinante affinché l’identità perduta venga ritrovata, da un lato attraverso l’elevazione del livello artistico, culturale, formativo, ricreativo, del laboratorio creativo e dall’altro attraverso il coinvolgimento dei cittadini e, in particolare, dei giovani, degli anziani e dei disabili promuovendo e divulgando i valori e i temi del volontariato, della solidarietà e della cittadinanza attiva nello sviluppo delle comunità territoriali.

Il Polo culturale di Rufoli oltre ad essere un laboratorio attivo sarà uno spazio destinato ad attività culturali diverse, un punto aggregativo, uno spazio per la lettura, le proiezioni, i dibattiti, uno spazio che possa assolvere alla funzione di promotore dell’azione solidale e volontaria per informare e stimolare i cittadini e in particolare i giovani.

S’intende anche creare una esposizione stabile ed un museo tattile. Promuovere la gestione di laboratori artigianali per la valorizzazione delle tradizioni storico culturali dell’arte della ceramica attraverso la lavorazione dell’argilla, di oggettistica artistica e decorativa a fini ludici, rieducativi, di inserimento e reinserimento.


La creazione del Polo culturale di Rufoli mira a raggiungere i seguenti obiettivi: